Vccc.us

Vccc.us

Formulario scarico rifiuti

Posted on Author Jugore Posted in Multimedia

La seguente istruzione operativa vuole essere un supporto alla corretta compilazione del registro di carico e scarico e del formulario di identificazione rifiuti. Il Registro di carico e scarico rifiuti è il documento ambientale sul quale devono essere registrati tutti i carichi e gli scarichi di rifiuti. Lo schema. Il FIR è uno dei tre strumenti - insieme al MUD, (cioè il modello unico di dichiarazione ambientale) e al registro di carico e scarico dei rifiuti - previsti dal D​.Lgs. n. Prima del suo utilizzo il formulario di identificazione rifiuti deve essere numerato e vidimato dagli uffici dell'Agenzia delle entrate, dalle Camera.

Nome: formulario scarico rifiuti
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 62.48 MB

Invia articolo per email Commento a cura del dott. Antonio Ianniello La gestione dei rifiuti è un argomento tanto delicato quanto importante. Per comprendere in maniera chiara tutte le novità sugli obblighi documentali apportate nel dicembre , bisogna conoscere quali sono i principali strumenti che consentono la tracciabilità dei rifiuti ovvero: il FIR, Il registro di carico e scarico, Il MUD e le schede SISTRI.

Il FIR formulario di identificazione dei rifiuti , è un documento di accompagnamento del trasporto dei rifiuti, effettuato da un trasportatore autorizzato, che contiene tutte le informazioni relative alla tipologia del rifiuto, al produttore, al trasportatore ed al destinatario.

Il formulario di identificazione deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal produttore dei rifiuti e controfirmati dal trasportatore che in tal modo dà atto di aver ricevuto i rifiuti.

Antonio Ianniello La gestione dei rifiuti è un argomento tanto delicato quanto importante. Per comprendere in maniera chiara tutte le novità sugli obblighi documentali apportate nel dicembre , bisogna conoscere quali sono i principali strumenti che consentono la tracciabilità dei rifiuti ovvero: il FIR, Il registro di carico e scarico, Il MUD e le schede SISTRI. Il FIR formulario di identificazione dei rifiuti , è un documento di accompagnamento del trasporto dei rifiuti, effettuato da un trasportatore autorizzato, che contiene tutte le informazioni relative alla tipologia del rifiuto, al produttore, al trasportatore ed al destinatario.

Il formulario di identificazione deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal produttore dei rifiuti e controfirmati dal trasportatore che in tal modo dà atto di aver ricevuto i rifiuti. Il Registro di carico e scarico dei rifiuti raccoglie le informazioni contenute nel FIR relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti, trasportati, recuperati, smaltiti o oggetto di intermediazione.

Infatti il MUD va presentato annualmente alla Camera di Commercio competente, entro il 30 aprile di ogni anno sulla scorta dei rifiuti gestiti nell'anno precedente. Il SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti , nasce su iniziativa del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per permettere l'informatizzazione della tracciabilità dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania.

Con il SISTRI si passa da un sistema cartaceo, caratterizzato dai tre strumenti sopra descritti, ad una soluzione tecnologicamente avanzata che permette non solo alle imprese la semplificazione delle procedure e degli adempimenti, ma anche di gestire in modo più innovativo e più efficiente il complesso processo che caratterizza la filiera dei rifiuti, garantendo maggiore trasparenza e conoscenza.

Per quanto riguarda i primi, se non sono contaminati, possono essere riutilizzati nello stesso cantiere di produzione non in altri siti senza essere catalogati più come rifiuti e quindi senza obbligo di documentazione ad hoc per il riuso.

In questo documento ci sono informazioni dettagliate relative soprattutto alla tipologia dei rifiuti trasportati, nonché al produttore e al destinatario, oltre che, ovviamente, al trasportatore stesso.

Viene redatto in quattro copie e compilato, completo di data e firma, da parte del produttore con la controfirma del trasportatore che riceve il carico. Bisogna conservare per cinque anni le copie del formulario compilato.

Rifiuti. Registri formulari MUD

La fattura di acquisto dei FIR, inoltre, deve essere annotata sul registro IVA acquisti, indicandone i codici identificativi alfanumerici. Questi obblighi si riferiscono alla compilazione del Fir che deve vedere specificate almeno queste notizie, secondo il successivo art.

Ovviamente la merce trasportata sarà imballata in maniera adeguata, a seconda della sua natura, riportando, nel caso di rifiuti pericolosi es. Sono, ovviamente, previste precise sanzioni Art. Sono i casi in cui i dati presentati sono incompleti oppure inesatti, per cui la sanzione amministrativa pecuniaria si traduce nel pagamento di una somma che va dai milleseicento ai novemilatrecento euro.


Articoli popolari: